Sailorado

21/10/2008

Galateo a bordo: la tavola pratica in rada, chic in porto

Il pranzo in barca non deve sottostare a nessuna regola che non sia dettata dalla propria comodità e dal tempo che si ha a disposizione per mangiare.

C’è chi ama cucinare piatti sfiziosi ovunque e chi invece preferisce aprire una scatoletta o comprare cibi direttamente in rosticceria. Tutti però potranno convenire sul fatto che una tavola colorata e ben apparecchiata metta allegria e, perchè no, appetito!

I piatti – La tavola base prevede un piatto piano per ogni commensale, poggiato sopra una tovaglia o una tovaglietta all’americana. Sul piatto piano verrà messa la fondina nel caso in cui fosse previsto dal menù anche un primo.
Le posate – A destra del piatto si metterà il coltello sempre con la lama rivolta verso l’interno, e il cucchiaio se serve.
A sinistra si pone la forchetta con il tovagliolo piegato. Le posate per la frutta si metteranno orizzontalmente sopra il piatto, il coltello con il manico a destra e la forchetta con il manico a sinistra. Se si serve un dessert al cucchiaio, questo andrà posto sopra le posate da frutta con il manico rivolto a destra.
I bicchieri – I bicchieri, uno per l’acqua ed uno per il vino, si metteranno in alto a destra, quello del vino sarà più esterno.

Alcuni suggerimenti per evitare piccole catastrofi soprattutto in rada

  • Se la barca non è ormeggiata in porto si raccomanda di porre attenzione al rollio ed al beccheggio causato dalle onde: mai lasciare pentole piene di cibo caldo sopra coperta. Ben che vada finiranno a mare, ma spesso capitano piccole spiacevoli ustioni.
  • Ogni commensale deve cercare di non distrarsi troppo, altrimenti finirà per ritrovarsi tutta la pietanza rovesciata addosso, con conseguente barca sporca da pulire. Meglio una concessione al galateo, trattenendo il piatto con una mano
  • Le bottiglie vanno sempre chiuse e possibilmente appoggiate alla pavimentazione: in caso di onda imprevista non si avranno sprechi inutili

Meglio evitare a bordo un uso eccessivo di stoviglie monouso: dal loro canto hanno la praticità, si buttano dopo l’uso, non si lavano… Ma producono un volume di spazzatura elevato che a bordo sarà difficile stivare, costringendo l’equipaggio a continue soste per sbarcare le immondizie.

Ottimale l’utilizzo di piatti in melamina, infrangibili e ormai di sicuro effetto estetico.

I piatti in melamina infatti sono particolarmente indicati per un uso intensivo. Sono leggeri, solidi, resistenti ai colpi e sopportano temperature fino a 120°C!!

La melamina è perfettamente neutra, non porosa, idonea al lavaggio perfino in lavastoviglie.

Le collezioni di stoviglie in melamina sono realizzate con particolare attenzione agli effetti moda: eleganti e moderne rendono piacevoli le giornate trascorse in barca. Realizzate con materie prime naturali riciclabili di prima qualità, sono approvate per il contatto con i prodotti alimentari. La melamina è antibatterica, non si deforma ed è particolarmente leggera . Tutte caratteristiche che renderanno pratica la vostra cucina ed allegra la vostra tavola.

Annunci

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.